Trekking improvvisato a Capri: Sentiero del Pizzolungo e Arco naturale

Pablo Neruda definiva Capri come la “Regina di roccia”.

Effettivamente Capri si presta molto alle escursioni.

Una di queste conduce all’Arco Naturale attraverso il Sentiero del Pizzolungo.

Il sentiero parte dal belvedere di Tragara, il sentiero è breve, è lungo 3,5 km e dura all’incirca 3 ore (andata e ritorno). Si alternano tratti pianeggianti e lunghe scalinate. I gradini sono all’incirca 975.  

Il percorso prosegue fino ad incontrare una stretta e ripida scala che porta alla Grotta di Matermania. La grotta è chiamata così, ma è conosciuta anche come Grotta del Matrimonio o di Matromania. Si tratta di una cavità lunga circa 30 metri e larga 20, con un’altezza media di 10 metri. In epoca romana la Grotta era stata trasformata in un lussuoso ninfeo, dove ci si riuniva per banchettare e riposarsi.

Lasciata la grotta occorre salire ancora circa 200 gradini per arrivare in cima dove, percorrendo una stradina sulla destra, si arriva all‘Arco Naturale.

L’Arco Naturale è una struttura rocciosa, a forma di arco, di origine naturale, che si è formata in passato a causa degli agenti atmosferici e dei processi geologici che hanno interessato l’Isola di Capri. La struttura di natura calcarea è larga 12 metri ed alta 18 sopra il livello del suolo. L’arco si trova all’estrema punta orientale dell’isola da cui si gode la vista della penisola sorrentina e delle isole Li Galli.

L’arco naturale è visitabile gratuitamente. Il sito è aperto tutto l’anno e a tutte le ore del giorno.

Dall’Arco naturale è possibile fare un giro ad anello e tornare verso la Piazzetta percorrendo via Matermania, stavolta la strada è in discesa.

Ti è piaciuto questo mini trekking?

Se ti piacciono i trekking vista mare non perderti il Sentiero degli Dei!

Pubblicato da girulìgirulà

Blog di escursioni e viaggi

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: